Nucleoplastica percutanea in co-ablazione


La nucleoplastica è una procedura chirurgica mininvasiva che si esegue in anestesia locale utile per il trattamento di lombalgie e lombo-sciatalgie e lombocruralgie. E' indicata in presenza di protrusioni discali o ernie contenute.

L’intervento che viene eseguito sotto controllo radioscopico consiste, nella ablazione e coagulazione con radiofrequenza del nucleo polposo del disco intervertebrale attraverso un elettrodo introdotto per via percutanea nel disco affetto.



L'azione ablativa si esplica attraverso la formazione, all'interno del nucleo, di un plasma ionico derivato dall'attivazione del sodio.

Si realizzano 6 canali di termolesione nel disco con una rapida perdita di acqua dal nucleo (10 - 20%) ed una immediata decompressione della radice nervosa.

Con la coblazione si ottiene:



Indicazioni:

L'indicazione principale sono le protrusioni discali e le ernie contenute con lombalgia o sciatalgia. Condizione essenziale è l'integrità dell'anulus fibroso, (ernia contenuta) in assenza della quale non può avvenire il meccanismo di retrazione.




Post operatorio

Dopo l'intervento i pazienti vengono immediatamente mobilizzati con il supporto di un bustino per 20 giorni al fine di proteggere il disco decompresso prima che inizi il processo riparativo.

Fondamentale è la successiva riabilitazione posturale.

Complicanze(rare) : Conclusioni

La nucleoplastica consente di trattare le ernie discali contenute mediante tecnica mininvasiva percutanea con buoni risultati a distanza sia per la decompressione radicolare che nella risoluzione della sintomatologia dolorosa.





   torna alla pagina precedente


inizio / menu